Lez 10: Il Ruck

Cosa è il Ruck? per cosa si differenzia dalle altre fasi di gioco? posso prendere la palla quando il Ruck è formato?

Annunci

DEFINIZIONE: Il RUCK è una fase di gioco dove uno o più giocatori di ciascuna squadra sono sui loro piedi, a contatto fisico tra loro, sopra il pallone a terra. Il gioco aperto si è concluso. I giocatori effettuano il RUCKING quando sono in un ruck e utilizzano i piedi per cercare di conquistare o mantenere il possesso del pallone, senza commettere falli d’antigioco (Fonte: Regolamento di Gioco F.I.R. 2016)

La spiegazione è articolata e impegnativa ma … non disperiamo.

Intanto ecco qui di seguito la carta corrispondente:

ATTENZIONE! la definizione di RUCK parla di giocatori “sui loro piedi” e a contatto fisico quindi non stiamo parlando nè di placcaggio nè di “ammucchiata” ma di una “formazione di gioco” che si sviluppa perchè “CHI ARRIVA SUL PALLONE” cerca di farlo suo, e lo fa da in piedi, spingendo gli avversari per vincere il pallone con i piedi.

A causa della velocità del gioco, solitamente sostenuta, chi arriva sul pallone trova sempre qualcuno della squadra avversaria davanti a fare contrasto e quindi il RUCK si forma in pochi istanti; costituito da un certo numero di giocatori a contatto che si fronteggiano e tentano di tallonare la palla (Tallonare = spingere indietro il pallone con il Tallone e il piede).

Il Ruck è formata e il pallone viene tallonato dal mediano di mischia

Chi primo arriva sul pallone (spesso la squadra in attacco) fa così RUCKING per portare la palla dal suo lato e mantenerne il possesso. Talvolta però è chi contrasta che riesce a spingere più forte e ribalta la situazione vincendo la palla. Si parla allora di CONTRORUCK.

Ma fermiamoci un attimo.

La definizione parla anche di PALLONE A TERRA. Questa è una condizione necessaria per parlare di RUCK. Ora, un pallone si trova a terra in 2 situazioni; PALLONE LIBERO (nessun placcaggio) o DOPO PLACCAGGIO (Portatore del Pallone Messo a Terra).

Ricordiamo che la palla libera a terra può essere raccolta da un giocatore con le mani (per poi proseguire e andare a meta). Però quando diversi giocatori vengono a contatto sopra di essa  e si forma un RUCK  non è più possibile prenderla/toccarla con le mani, ma va “tallonata”.

Quindi:

IN CASO DI PALLA LIBERA – SENZA PLACCAGGIO: nelle fasi di gioco dove non si riesce a raccogliere la palla velocemente da terra, o si cade a terra con essa sul terreno di gioco, anche solo in pochi attimi, si può formare fra avversari un RUCK sul punto.

Palla a terra, Ruck formato

IN CASO DI PLACCAGGIO: il placcato e il placcatore cadono a terra. Il placcatore rotola via (vedi foto) , il placcato lascia la palla, e i giocatori arrivano sul luogo del placcaggio. Subito si FORMA IL RUCK e si contendono la palla restando in piedi

Il Placcatore a terra si allontana dal raggruppamento mentre il Ruck è già formato il pallone è stato tallonato e il medianodi mischia sta per ricominciare il gioco.

E’ possibile che subito dopo un placcaggio o una caduta a terra con la palla, ci sia un momento di palla libera in cui è permesso prendere la palla con le mani e rialzarsi, tuttavia non appena si forma il RUCK le mani non possono essere più usate.

“MANI IN RUCK”

Questa è una regola fondamentale. La palla libera può essere presa in mano da terra. La palla in Ruck NON PUÒ ESSERE TOCCATA CON LE MANI e determina un fallo. Ma allora chi decide che si è formato un RUCK?  L’ARBITRO decide che la Ruck si è formata urlando “RUCK VIA LE MANI” vicino al raggruppamento e tutti i giocatori devono usare i piedi.

Antigioco = gioco scorretto e antisportivo; Gioco Aperto = quando le squadre si fronteggiano in ampio movimento sul campo e con passaggi della palla alla mano. Nel gioco chiuso i giocatri sono fermi e raggruppati.


This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-

Autore: Tiziano Galli

Ex - Giocatore di Rugby nel Monza Rugby A. Chiolo 1934 Nel 2008 è co-fondatore del Rugby Club Castori Lugano. Dal 2010 al 2015 cura il settore giovanile del Rugby Lugano - LNA dove ricopre il ruolo di Dirigente/Vicepresidente. Presidente dal 2014 al 2020 dell'Associazione Rugby Svizzera Italiana. Nel 2015 fonda il primo centro RugbyTots Svizzero (www.rugbytots.ch) con cui intraprende un programma di sviluppo del Rugby nei vari distretti Ticinesi. Dal Feb 2015 circa 150 bimbi e bimbe dai 2 ai 7 anni vengono coinvolti ogni anno in corsi di motricità con la palla ovale. Con il Progetto Tutti Neri Ticino (vincitore Sanitas Challenge 2016-fase regionale) e la creazione dell'Associazione/Club TNT si crea una piattaforma per lo sviluppo del Minirugby in Ticino di cui gli strumenti di comunicazione sono il blog minirugbyinticino e le pagine Facebook Rugbytots Ticino e Tutti Neri Ticino. A Marzo 2020, in periodo di Pandemia nasce il Gruppo Facebook RUGBYTOTS TICINO FRIENDS, un Progetto Social volto allo sviluppo di una community interessata e coinvolta nel modello che a partire dalla motricità di maschi e femmine 2-5aa, porta alla scelta di una disciplina sportiva. Sosteni le nostre iniziative e sponsorizza TNT ! Chiama per Informazioni il numero +41 79 7926579 (Tiziano) o scrivi a tuttineriticino@gmail.com

Rispondi