DEBUTTO CASTORI!!

Carissimi,

senza troppi trionfalismi… abbiamo rotto il ghiaccio. Bella giornata piena di emozioni al campo di Tradate dove si è svolto il primo torneo per le categorie U10 e U12.

I nostri castorini hanno affilato i denti e combattuto segnando molte mete e imparando “da soli” alcuni movimenti fondamentali del nostro sport.

E’ stato un momento pieno di orgoglio per i grandi e di impegno agonistico per i ragazzi. Le competizioni d’altra parte sono un passaggio necessario alla crescita sportiva del singolo e del gruppo.

Qui sotto le foto che il papà di Lorenzo e di Elia mi hanno inviato e che ho inserito in sequenza su questa pagina.

GRAZIE! Leggi tutto “DEBUTTO CASTORI!!”

Annunci

L’Elogio della Passione (e del Pusher)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per chi sta sviluppando dal 2015 un progetto come Rugbytots (motricità di base con la palla ovale dai 2 ai 6 anni) saldandolo alle esperienze passate (2008) dei Castori di Lugano (Minirugby, dai 7 ai 12 anni), cioè io nella fattispecie, e anche per gli altri allenatori, affermare il primato della passione in tutto ciò che facciamo è una banalità.

Ma la passione è un valore ancora più importante nella crescita di un bambino. Chi cresce senza aver mai provato un grande trasporto emotivo non ha pienamente vissuto, non si è pienamente realizzato.

Le passioni … Leggi tutto “L’Elogio della Passione (e del Pusher)”

Mini-Rugby … MEGA-Divertimento !!!

Il suffisso “Mini” potrebbe ingannarci ma fra tutte le interpretazioni non va inteso come “minore”. Mini-rugby è infatti una versione del Rugby adulto indicata per la formazione dei bambini e quindi ai “Mini”.

Una versione… ridotta:

  • Nel numero di giocatori: perchè il minirugby non si gioca in 15 come il Rugby Adulto ma in meno, a seconda della categoria che a partire dall’U6 cresce ogni 2 anni,  U8 – U10 – U12 per continuare e diventare con la U14 Rugby Giovanile.
  • Nella complessità: perchè il gioco adulto non è semplice e va affrontato per gradi, inserendo a poco a poco dinamiche e agonismi sempre più articolati e serrati.
  • Nel contatto: perché é nella dimensione “affettiva” che si gioca l’accettazione della disciplina e quindi si determina l’abbandono da parte dei Mini – giocatori. Molta attenzione va quindi posta su questo fronte e nella introduzione graduale del contatto cominciando con  proposte di gioco “senza” contatto (es. TAG RUGBY).

Minirugby é la semplificazione di uno sport che necessita di essere assimilato a piccoli step e aumentando il coraggio per affrontarlo nelle sue parti più promiscue. Un gioco che a livello adulto è di grande agonismo e combattimento ma che in età infantile deve essere un  MEGA – Sport e tanto divertimento!

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-